Слике страница
PDF
ePub

di tutti gl' importanti negocij che haverete fatto, de' quali si dee tenere un libro a parte, in virtú del Decreto ultimainente preso nel magnifico Consiglio de' Pregati, et N. S-re Dio vi conduca et riduca a buon salvamento.

Dal Nostro Palazzo a X. di Marzo 1572.

Наруџба Нику Соргочевићу и Аугустину Бунићу

поклисарима Републике к Султану

Ибрахиму І. год. 1641.
Ex Lettere Commissioni di Levante 1640–45. Ayóp. Ap.k. Apx B

Agli Magnifici Signori Nicoló de Sorgo ed Agostino

de Bona, Ambasciatori del Tributo A. 1641.

Ex Lettere e Commissioni di Levante 1640–45.

Addi 17 Maggio 16/11.

Commissione ai Molto Magnifici Signori Nicolo di Gau-ge di Sorgo e Augustino di Michele di Bona Ambasciatori del Tributo nostri dilettissimi.

Il Rettore della Republica di Ragusa col suo, (sc. Minor Consiglio) e di Pregati. Vi commettiamo col nome di Dio, della Gloriosa Vergine Maria, e di S. Biagio Martire nostro Protettore che debbiate andar alla volta di Constantinopoli e nell' andare vostro vi voltarete al S. Sangiacco di Hercegovina trovandolo per dritto camino al quale farete la debita salutatione in nome del S. Rettore e dei Gentiluomini di Ragugia divotissimi di Sua Signoria. e li presentarete lettere di credenza con dono di taliari cento e cinquanta che se li mandano secondo il solito, facendoli intender come andate a Constantinopoli col Tributo ammoreggiando seco et instando che siano libere le vie alli nostri Mercanti come é la volontà del gran Signore e poi raccommandando Noi e le cose nostre come al cordialissimo amico e protettore e c'avvisarete quando da lui prenderete comiato et insieme qualche nuova se vi darà alcuna e se vi haverà fatto le debite accoglienze.

Seguirete il vostro camino e se nel vostro drito camino non trovareste il detto S. Sangiacco ma intendendo che sia lontano dal vostro viaggio ordinario sino a una

[ocr errors]

giornata all' hora andarete et trovarete Sua Signoria per presentarli il detto dono e la lettera credentiale per fare con lui il dicto compimento.

Se per strada incontrarete il S. Beglerbegh di Vrumelia overo lo trovarete in Soffia, presentarete Sua Sria col solito dono facendo seco bone grazie con raccommandargli gl' interessi nostri e de nostri Mercanti, il quale non incontrando nè trovandolo ut Supra farete l'isteso al vostro ritorno da Constantinopoli incontrandolo o trovando in Soffia.

Primo. Giunti che sarete a Constantinopoli visitarete tutti li SSri Passalari incominciando dal Supremo Visiere, e poi tutti gli altri di grado in grado secundo la dignità, presentandoli le lettere e li doni consueti anotati qui appresso, ammoreggiando con ciascuno di essi e pregandoli per la bona expeditione e quando haverete fatto i doni in detta corte se poi si facesse qualche innovatione che i Sigri, cioè s' alcuno di loro fosse esaltato al Vesiriato Supremo, a questo tale donarete tallari quattro cento e cinquanta oltre il dono consueto di già notato et venendo essaltato alcuno alla dignità del Passà semplice a questo tale donarete tallari cento e cinquanta.

2. All'arrivo vostro in Constantinopoli donarete tallari trecento al Si Passa il quale trovarete luogotenente del S. Passa Supremo Visiero però quando egli fosse absente dalla corte e questo oltre li tallari cento e cinquanta che li toccano secondo il consueto.

3. Al Chiechaia del S. Luogotenente donarete cavezzi due di raso mentre starete a Constantinopoli se alcuno sara essaltato all' officio del Luogotenente in absenza del detto. Supremo Visiero dalla corte vi diamo commissione che possiate presentarlo con dono di tallaro trecento conforme è il solito.

7. Essendovi data la giornata della vostra audienza alla Porta di Constantinopoli secondo il solito farete la solita veneratione al gran Sigre presentandoli la nostra lettera di credenza et il dono consueto di quattro tazze, et essendovi concesso il parlare umilmente raccommandarete il Rettore et i Gentilhuomini di Ragugia divotissimi del suo Glorioso Impero.

5. Se tanto nell'andar vostro alla Corte quanto nel dimorare ivi accadesse qualche nova importante non vo

[ocr errors]

gliano che risparmiate cavalli o corrieri come meglio vi parera avvertendo che gli avvisi vostri siano cauti.

6: S'alcuno dei nostri haverà bisogno dell'intercessione vostra alla Porta o altrove, vogliamo che debbiate intercedere per ciascuno nelle cose honeste e sempre con honore del dominio Nostro.

7. Vogliamo che fin a tanto che starete a Constantinopoli dove doverete habitare, nulla di meno sia nell' arbitrio vostro praticar in Pera.

8. Avvertite nel vostro partire dalla corte di baciar le mani in tutti i modi a Sua Mtà secondo il costume e non potendo in nessun modo, fate il meglio che potrete, però usate ogni diligenza, in baciargliela nel venire avvertendo sempre all'honore e riputatione nostra.

9. Oltre di ció vi commettiamo che con quei modi migliori che potranno trovarsi, vediate d' impetrare dal Supremo Visiero una bona letera per il Sri Sangiacco di Herzegovina nostro vicino che voglia havere le cose nostre per racommandate con racommandarglele et avvertirlo che li SSri Sangiachi nostri vicini debbano ad havere per raccommandate e che ci portino dispetto, come a fedeli Haracciari, e perciò non voglino contrafare volonta di sua Maesta.

10. Vi commettiamo che alla tornata vostra non deb-
biate ardire di menar con voi alcuno di schiavi che non
havesse le patenti della sua liberationè nè permetterete
che sia menato da veruno dei vostri famegli, né da Mer-
canti i quali veniranno per camino in compagnia vostra
per schivare ogni occasione di scandalo.
11.

Tributo:
Al gran Signore Imperatore di Turchi Zecchini
dodeci mila cinquecento

12500 e pui adetto tazze quattro di argento

. 4 Alli Sigri Passalari a tallari cento cinquanta

per uno
e pui a detti a tazze due di argento per

ciascuno
A tre Theftedari a tallari XV per uno

ū 45 a detti tazza una di argtia per ciascuno .NO 3 Al Sr Pasca di Urumelia tallari cento cinquanta T 150

a detto tazze due di argento N 2

[ocr errors]

Al S" Sangiacco di Hercegovina tallari cento
cinquanta.

u 150 Al Ciausc Bassa del gran se una tazza

1 Al Capicilar Chichaia del gran she una tazza 1 Per le cose minute de presenti et altre spese intorno la Porta ducati novanta.

u 90 Per le confettioni a voi consuete per viaggio u 3 Al Capitano del mare tallari cento cinquanta ū 150 a detto tazze di argento.

.NE

2 12. Se il S" Capitano sarà dei Sigh Passa o Passa della Porta li donarete tallari cento cinquanta e due tazze come al s' Passa, senza dargli altri sudetti come al capitano, poichè cosi si è osservato da più tempo in qua da gli Ambasciatori nostri.

13. Perchè oltre il dono ordinario di tallari cento e cinquanta e due tazze di argento datovi per il sudetto S" supremo Visiero della Porta v’ habbiamo dato anco altro dono straordinario, pregatelo che vi assegni la giornata quando glielo haverete da consignare e quando vi dirà glelo portiate, parete quanto egli vorrà, e nel presentar glelo lo pregarete, che voglia riceverlo con quella bona volontà, con la quale li viene mandato da noi e che si degni tenerci per raccommandati e favorirci nelle nostre occorrenze perchè lo teniamo per nostro Protettore qual dono è di tallari mille cinquecento 1500.

16 cavezzi. 14. Al Chiechaia del do S. Supremo Visiero donarete l' usuale dono di quattro cavezzi e con questa occasione li raccommanderete le cose nostre per le quali lo pregarete che voglia esser favorevole appresso il Suo Signore nelle nostre occorrenze.

15. Supplicarete il detto S. Supremo Visiero che si degni concedervi per potere estrare tre milla mutti(?idi grano et altre tanti di miglio nell'istessa forma nella quale furono concessi li Hochiumi gli anni passati che vi si consegnano i quali Cochiumi mandarete subito quà.

16. Come vi è noto a ciascuno Passà è solito dare dono di tallari cento cinquanta e due tazze d'argento: però avvertite di far l'istesso dono all'Illo s" supremo Visiero come ad uno di detti S" Passe e questo oltre il dono straordinario di tallari mille cinquecento e di sedici cavezzi di sopra par lui consegnativi.

17. Si trovano piú Sige Sultane, a ciascuna delle quali toccano cavezzi due di raso oltre le confettioni e candeloni a quelle però che sono uscite fuori perchè a quelle che non sono usite fuori non si suole dare altro però cosi le presenterete, imponendovi, che nel conto che darete all' offitio delle Ragioni, debbiate nominatamente tanto ponerli SS" Passe, quanto le sopradette Sigre Sultane et alle quali donarete il presente.

18. A Nisangi Passa donarete cavezzi due di raso.

19. A Peschigi Passa di Constantinopoli Ba cinque di panno di 60.

20. Oltre li sudetti doni vi habbiamo consegnato di confettni scattole .N ... e di candeloni N... le quali confetioni e candeloni spartirete tra le dette Signe Sultane come vi parerà cioè a 4 scattole e 2 candeloni per una. Se mentre starete a Constantinopoli dovrà uscire l'Armata fuori, vi ordiniamo che andiate visitare il S" Capitano Passà in nome nostro e che li doniate sei cavezzi di seta raccomandandoli le cose nostre, ma non dovendo 'uscire con detta Armata la persona del detto signor Capitano ma qualche suo luogotenente donarete due cavezzi di seta al detto luogotenente suo.?

21. Similmente se mentre strarete a Constantinopoli tornasse esso Signor Passà con l' armata vi rallegrarete con lui del suo salvo ritorno e gli presentarete sei cavezzi di seta.

22. E perchè da più tempo in quà il s' Teftedaro grande ha preteso di dover esser presentato di due cavezzi di seta oltre li tallari XV e una tazza d'argento che per solita commissione se gli danno, certi gli è stato dato, onde per non disgustarlo ci contentiamo che gli faciate il presente di uno cavezzo solo con soliti) tallari XV et una tazza poi che un' altro cavezzo se gli da con occasione del giumrucco nella commissione di esso giumrucco che siano solamente in tutto due cavezzi.

23. Donarete al Sig" Cap Aga del gran Signor cavezzi due di raso.

24. Al S" Bostanghi Bassa altri due cavezzi di raso procurando che siane favorevole nelle nostre occorrenze.

25. A Chitap Rais donarete li consueti due cavezzi di seta.

« ПретходнаНастави »