Слике страница
PDF
ePub

Br u ni.

Bruni.

Antonio Bruni, aus Cafal Nuovo im Neapolitanifchett, geft. 1635, gehårt unter die bessern italianischen Dichter des vorigen Jahrhunderts. Von seinen Epistole Eroiche gab pietro Bonarelli ju Nom, 1634, 12. die fielente, von dem Verfasser verbesserte und vermehrte, Ausgade in zwei Büchern beraus, welche zusammen ein und dreijftg solcher Briefe enthalten. Da sie unter uns wenig bekannt sind, so will ich ihre Ueberschriften hieher reken: La Madre Ebrea a Tito Vespasiano Erminia à Tancredi Caterina d'Aragona ad Arrigo VIII. Rè d'Inghilterra Fiordifpina à Bradamante Turno à Lavinia Tancredo à Clorinda Olimpia à Bireno

Soliinano al Rè d'Egitto – Arinidad Rinaldo Radamilto à Zenobia Nausicaa ad Uliffe Diana a Venere Giove à Seinele Euridice ad Orfeo lole ad Ercole Zefiro à Clori . Angelica ad Orlando Despina à Mustafa Ainore à Pliche Sofonisba à Mafinilla - Seneca à Nerone Venere ad Adone Argante à Tancredi Cleopatra ad Ottavio Cesare Semiramide à Nino Issicratea à Mitridate Onoria ad Attila Gismonda a Tancredi, Principe di Salerno - Scedaso al Senato di Thebe - Apollo à Dafne -- Tainiri à Clearco. Uebrigens ist dieser Dichter nichts weniger als frei von dem schon damals herrschenden Verderbnisse der italianischen Poesie, von dem Hange zum Unnatürlichen, Gekånstelten und Gesuchten, und von den sogenannten Concetti, oder tåndelnden Spielereien des Ausdrucks. Zu dem folgenden Briefe entlehnte er nicht nur den Stof, sondern auch mans che einzelne Züge, aus dem Befreiten Jerusalem des

[ocr errors][merged small]

E' pur gelido il Fonte, ombroso il loco
Da cui scrivo, o Clorinda , e in quello, e in

questo
Pur vagheggio la luce, e sento il foco.
Beisp. Samml. 6. B. N

Su

[merged small][ocr errors]

Sù l'orlo, al rezzo, i passi erranti arresto;
Ma con l'anima

vaga

à te me'n volo
E, partendo da te, teco pur resto.
Contro al Chriftiano, e bellicoso stuolo

Vibri la spada sì, ma del bel volto

Le ferite d'Amor provo in me folo;
Moftro ferino hai fu'l cimiero accolto;

Ma, de la Tigre ad ogni picciol moto,

Con infausto presagio, il cor m'è tolto.
Tù con affetto pio, con cor divoto

Deità falla adori; io te, che fei

L'Idolo d'ogni core, e d'ogni voto.
Del Fonte ricordar, ben mio, ti dei,

In cui primier ti vidi; e di quell'onde;

Che furo l'esca de gl'incendij miei.
Là mi legar le crespe chiome, e bionde,

De' miei fofpir, de gli amorosi lai

Ancor mormoran l'aure, ardon le sponde.
Qual tu, per rinfrescarini anch' io v'andai;

Ma tu riposo, io lagrime, e dolore;

Ma tu ristoro, io grave mal trovai.
Tu Guerrera di Marte, e più d'Amore

Minacciavi col brando, e più col viso,

Con rigida beltà vago rigore :
Ond' io, ch' allor de' Perfi havea conquiso

Il Campo hostil, pria vincitor; poi vinto,

Restai da un guardo sol prelo, et ancifo.
Quinci allhor nato Amor nel core avvinto

Nulla feppe parlar del foco mio,

Moflo un suon balbettante, et indistinto.
Ahi, che, qual lampo, a me sparisti, ond' io

Sparita à me luce, anzi la vita,

Restai fra l'ombre d'un'eterno oblio.
E fin' hor, che à le pugne ancor m'invita

La Tromba Oriental, porto l'imago

Di cotante bellezze in mne scolpita.
E’n questo Fonte cristallino , e vago,

Ch' a t'el volto gentil bagno fovente,
Con memoria de l'altro, il core appago.

Aura Bruni.

Aura quì fufarrar mai non si fente;

Fiore quì pullular mai non si vede;

Mormorar qui non s'ode onda corrente; Ch' io non dica frà me; Folle chi crede

Fiorir l'erba, errar l'aura, e scherzar l'onda

In virtù d'altre luci, e d'altro piede, Di musco, e di smeraldo è sol feconda

Per te sì bella in argentata riva ;

E lussureggia di Zaffir la sponda.
De lo splendor, che qui d'intorno apriva

Tal' hora un raggio de' begli occhi amati,

Pur la dolce memoria è fresca, e viva. Ne le stelle del Ciel, ne' fior de' prati

Io vagheggio ad ogn' hor le belle gote;

Io contemplo ad ogn' hor gli occhi adorati. Quanto son tue beltà celebri, e note,

Tanto nel mio pensier stan ferme, e fille;

E cancellarne un'ombra altri non pote. Ciò che poc' anzi in Campo, in fra le riffe,

Col labbro aprij, più che guerrero, amante,

Ch' a te l'orecchio, à me piu 'l cor trafifie: Fù de l'incendio mio fiamma volante ;

Fù de' miei gravi, e fervidi sospiri

Fumo esalato innanzi al tuo lembiante. Io ardo, io ardo; i gemiti, e i martiri,

Ch' io (pargo, e provo al tuo rigore eguali,

Perche fiera non odi, empia non miri? Ma, se m'odij, e m’abborri, e de miei mali,

Com' io vago di te, tanto sei vaga,

Perche, o bella Clorinda, hor non m'asfali. Ecco il sen senza usbergo, hor tu l'impiaga;

Ecco il mio fianco inerme, egli è ben dritto,

Chabbia, emulo del cor, pur la sua piaga.
Svenami il petto tu d'Amor trafitto;

Schiantami il cor dal petto, eccolo ignudo;
Togli la vita homai dal core afflitto.
Pietofo in opra, et in fembianza è crudo,

Se m'ancide, il tuo ferro: jo più non curo,
Che da te mi difenda, è spada, & fcudo.

[ocr errors]
[blocks in formation]

Bruni.

Sieli pur, per tua man, rigido, e duro

Il tenor di mia stella; ira, e veleno

Spiri il mio fato tenebroso, e fouro:
Ma, se qual lieve, e lucido baleno,

Che, rompendo la nube, erri, e fe'n vole,

Mostrerai di pietade un raggio almeno;
Benedette le lodi uniche, e lole,

Che m'infiammar; fia benedetto il laccio,

Con cui la chioma d'or stringer mi suole.
Bramo, con puro amor, men duro il ghiaccio

Sol mirar del tuo cor; non già lascivo

Languirti in grembo, e tramortiti in braccio, Il pregio d'honefta sia intatto, e viva:

Sieli del nostro amor l'ultima meta

Un volger d'occhi, hor tremolo, hor furtivo. Con facro laccio ambitiofa, e lieta

Si legherebbe à te l'anima mia;

Ma'l contende la Fè, s’Amor no'l vieta:
Quindi, s'averrà mai, se giorno fia,

Che'l vero Sol tù adori e ch' abbandone

L'abborrita dal Cielo Idolatria :
Le mie di tanti pregi auree corone

Tributarie al tuo piè verran fasose ;

E fia tua Reggia, ove già fù l’Agone.
Frå l'altrui scelte, e riverite Spole,

Sarai tù sol la mia gran Sposa eletta;

Poiche Amore ogni gratia in te ripose.
Sol per lavar, ne l'elmo hoggi ristretta,

La tua fronte regal, serba il Giordano,

Con facro zel, l'onda più chiars, e schietta:
Anzi dal giogo più scofcelo, al piano

Di Sionne cadria, per tal mistero,

Termodonte l'Armen, Xanto il Troiano. o'di qual spoglia vincitor guerrero

N'andrei, se mai di farti à Christo ancella

Riportar' io potessi il pregio altero!
O'qual godrebbe il Ciel preda novella,

Se ti vedelle pia, non men che forte,
Qual lei, non me che forte, augufta, e bella!

Se Bruni.

[ocr errors]

Se tà fosli de' noftri, ò di qual forte

Andria fuperbo il gran Buglione! & quale

Minaccerebbę altrui catena, è morte! Qual di Borea, ò di Clima Orientale,

Refteria chiulo loco à i faeri riti?

Al Veslil riverito, e trionfale ?
Uccifi i Parthi, e laceri gli Sciti

Proverebbero à prova il nostro acquisto,
Ne gli agghiacciati, e sagitarij. liti.
Già lieto il Franco, il Turco afflitto, e tristo

De' nostri nodi, à noi rivolge il guardo,

Ambi di fanto Amor servi, e di Chrifto.
Si, ne' novi Imenei, la fiamma, ond' ardo,

Sarà là face, e talamo quel campo,
Ove invitta; e feroce ogn' hor ti guardo.
De' noftri ferri, e de' tuoi sguardi al lampo,

Se giunti andrem ne le più dubbie imprese,

Qual' hoste haurà da noi riparo, o fcampo? Sò, che'l tuo brando, e'l tuo ferrato arnese;

Là dove il Franco Heroe degno fi vanta,

Honord te medefma, i nostri offefe : Esò, che cede à te qual più, si canta

In arrni, et in beltate illustre, e chiara,

Rifda Thomiri, Arcadica Atalanta
E fò, che'l Sol da' tuoi begli occhi impara

La luce; e dal tųo crin l'oro l'Aurora,

O bellezza d'Amor, d'amore avara. E ferino quel cor, che non t'adora;

E chi t'adora poi chiama beato

D'Idolatria sì bella il punto, e l'hora. O felice il mio foco, ò fortunato

Dì, s'al mio laccio fia, ch' Amor ti stringa,

E se farò, qual fono amante, amato. Qual gelido pallor vesta, e depinga

La mia guancia per te, spieghilo; e'l dica

Amore, e qual' incendio il cor mi cinga.
Io da l'arma barbarica, e nemica-

Antiochia difesi; e per me yinta
Non fu la gente tributaria amica,

[blocks in formation]
« ПретходнаНастави »